committed to historic Baptist & Reformed beliefs

 

LA CONFESSIONE DI FEDE BATTISTA DEL 1689

 

7. Del patto divino

1. La distanza fra Dio e la creatura ?cos?grande che, sebbene le creature dotate di ragione gli debbano obbedienza come Creatore, tuttavia non avrebbero mai potuto conseguire la ricompensa della vita se non per la volontaria degnazione di Dio che ha espresso questa realt?in un patto1.

1 Lc 17,10; Gb 35,7-8


2. Infatti, siccome l'uomo si ?messo sotto la maledizione della legge a causa della sua caduta, ?piaciuto al Signore stabilire un patto di grazia2 con il quale vengono offerte liberamente ai peccatori vita e salvezza per mezzo di Ges?Cristo, richiedendo ad essi la fede in Lui per essere salvati3 e promettendo lo Spirito Santo, che li renda disposti e capaci a credere, a tutti coloro che sono ordinati a vita eterna4.

2 Gen 2,7; Gal 3,10; Rm 3,20-21
3 Rm 8,3; Mc 16,15-16; Gv 3,16
4 Ezech 36,26-27; Gv 6,44-45; Sal 110,3


3. Questo patto che ci viene rivelato per mezzo dell'Evangelo, era stato gi?precedentemente rivelato ad Adamo nella promessa di salvezza per mezzo della progenie della donna5 e in seguito per gradi finch?la rivelazione non divenne completa nel Nuovo Testamento6. Questo patto di salvezza si basa su un accordo eterno tra il Padre ed il Figlio riguardo alla redenzione degli eletti7. Unicamente in virt?di questo patto tutti i discendenti del decaduto Adamo che sono stati salvati hanno ottenuto vita e beata immortalit? Infatti l'uomo ?ora totalmente incapace di essere accettato da Dio come lo fu Adamo prima di decadere dal suo stato di innocenza8.

5 Gen 3,15
6 Eb 1,1
7 2 Tm 1,9; Tito 1,2
8 Eb 11,6,13; Rm 4,1-2; At 4,12; Gv 8,56

 
 
The Reformed Reader Home Page 


Copyright 1999, The Reformed Reader, All Rights Reserved