committed to historic Baptist & Reformed beliefs

 

LA CONFESSIONE DI FEDE BATTISTA DEL 1689

 

8. Di Cristo il Mediatore

1. E' piaciuto a Dio, secondo il suo proponimento eterno, eleggere ed ordinare il Signore Ges? il suo unigenito Figlio, in conformit?al patto stabilito fra entrambi, ad essere Mediatore fra Dio e l'uomo1, Profeta2, Sacerdote3 e Re4, Capo e Salvatore della chiesa5, Erede di tutte le cose6 e Giudice di tutto il mondo7. Fin dall'eternit?Egli ha dato al Signore Ges? una progenie, la quale nella dispensazione del tempo doveva essere da Lui redenta, chiamata, giustificata e glorificata8.

1 Is 42,1; 1 Pt 1,19-20
2 At 3,22
3 Eb 5,5-6
4 Sal 2,6; Lc 1,33
5 Ef 1,22-23
6 Eb 1,2
7 At 17,31
8 Is 53,10; Gv 17,6; Rm 8,30


2. Il Figlio di Dio, la seconda persona della Santa Trinit? ?il vero ed eterno Dio, lo splendore della gloria del Padre, della stessa sostanza ed uguale a Lui. Ha creato il mondo e sostiene e governa tutto ci?che ha fatto. Giunto la pienezza dei tempi ha assunto la natura umana con tutte le sue propriet? essenziali e le sue infermit?comuni9 ad eccezione del peccato10. Fu concepito dallo Spirito Santo nel seno della Vergine Maria, lo Spirito Santo venendo su di lei e la potenza dell'Altissimo coprendola dell'ombra sua, di modo che nacque da una donna della trib?di Giuda, della progenie di Abramo e di Davide secondo le Scritture11. Cos?due intere, perfette e distinte nature furono unite inseparabilmente in una sola Persona senza tuttavia trasformarsi, senza confondersi reciprocamente e senza sovrapporsi. Tale persona ?il Signore Ges?Cristo, vero Dio e vero uomo, ma purtuttavia un solo Cristo, l'unico mediatore tra Dio e l'uomo12.

9 Gv 1,14; Gal 4,4
10 Rm 8,3; Eb 2,14-17; 4,15
11 Mt 1,22-23; Lc 1,27-35
12 Rm 9,5; 1 Tm 2,5


3. Il Signore Ges?con la sua natura umana unita a quella divina nella persona del Figlio, fu santificato e unto di Spirito Santo senza limite13, avendo in se stesso tutti i tesori della sapienza e della conoscenza14. Piacque al Padre di fare abitare in Lui tutta la pienezza15 affinch?essendo santo, innocente, immacolato16 e pieno di grazia e di verit?sup>17 potesse essere appieno fornito per esercitare l'ufficio di Mediatore e Garante18. Non assunse questa posizione e questo compito di per s? ma fu chiamato ad assumerli dal Padre19 che gli ha dato ogni potest?e autorit?di giudicare e gli ha comandato di esercitare questi diritti20.

13 Sal 45,7; At 10,38; Gv 3,34
14 Col 2,3
15 Col 1,19
16 Eb 7,26
17 Gv 1,14
18 Eb 7,22
19 Eb 5,5
20 Gv 5,22,27; Mt 28,18; At 2,36


4. Il Signore Ges?accett?volontariamente questo ufficio e questo compito di Mediatore e Garante21. Per adempiervi fu reso soggetto alla legge22 che osserv?perfettamente. Sub?la condanna che avremmo dovuto subire noi23. Fu fatto peccato e fu maledetto per noi24 patendo grandi dolori nell'anima e grandi sofferenza nel corpo25. Fu crocifisso e mor? Dopo che fu morto il suo corpo non sub?corruzione26. Il terzo giorno risuscit?dai morti con lo stesso corpo27 in cui aveva sofferto28 e con esso asceso al cielo29, dove ?seduto alla destra del Padre intercedendo per noi30. Dal cielo torner?per giudicare gli uomini e gli angeli alla fine del mondo31.

21 Sal 40,7-8; Eb 10,5-10; Gv 10,18
22 Gal 4,4; Mt 3,15
23 Gal 3,13; Is 53,6; 1 Pt 3,18
24 2 Cor 5,1
25 Mt 26,37-38; Lc 22,44; Mt 27,46
26 At 13,37
27 1 Cor 15,3-4
28 Gv 20,25-27
29 Mc 16,19; At 1,9-11
30 Rm 8,34; Eb 9,24
31 At 10,42; Rm 14,9-10; At 1,11; 2 Pt 2,4


5. Il Signore Ges? in virt?della sua perfetta obbedienza e del sacrificio di se stesso offerto una volta per sempre a Dio mediante lo Spirito eterno, ha soddisfatto completamente la giustizia di Dio32, ha ottenuto la riconciliazione e ha acquistato una eredit?eterna nel Regno dei cieli per tutti quelli che il Padre gli ha dato33.

32 Eb 9,14; 10,14; Rm 3,25-26
33 Gv 17,2; Eb 9,15


6. Sebbene il prezzo di questa redenzione sia stato pagato da Cristo soltanto dopo la sua incarnazione, tuttavia la virt? l'efficacia ed il beneficio che ne conseguono furono comunicati agli eletti in tutte le et?fin dall'inizio del mondo tramite le promesse, i tipi ed i sacrifici che accennavano a lui come alla progenie della donna che doveva schiacciare il capo del serpente34 e come all'agnello immolato fin dalla fondazione del mondo35; poich?Egli ?lo stesso ieri, oggi e in eterno36.

34 1 Cor 4,10; Eb 4,2; 1 Pt 1,10-11
35 Ap 13,8
36 Eb 13,8


7. Nella sua opera di Mediatore, Cristo agisce secondo entrambe le sue nature, ognuna delle quali opera ci?che le ?proprio. Tuttavia data l'unit?della sua persona, ci?che ?proprio di una natura viene a volte attribuito nella Scrittura all'altra37.

37 Gv 3,13; At 20,28


8. Cristo applica e comunica certamente ed efficacemente la redenzione a tutti coloro per i quali l'ha ottenuta, intercedendo per essi38, unendoli a s?per mezzo del suo Spirito, rivelando ad essi nella Parola e per mezzo della Parola il mistero della salvezza. Egli li convince a credere e ad obbedire39, piegando il loro cuore con la sua Parola e con il suo Spirito40 e vincendo tutti i loro nemici per mezzo della sua potenza e sapienza infinite41. Ci?viene effettuato nel modo pi?consono alla sua dispensazione meravigliosa ed inscrutabile e tutto per grazia assoluta ed incondizionata senza che nessuna condizione prevista negli eletti vi cooperi42.

38 Gv 6,37; 10,15-16; 17,9; Rm 5,10
39 Gv 17,6; Ef 1,9; 1 Gv 5,10
40 Rm 8,9-14
41Sal 110,1; 1 Cor 15,20-26
42 Gv 3,8; Ef 1,8


9. Questo ufficio di mediatore fra Dio e l'uomo ?proprio di Cristo soltanto, il quale ?Profeta, Sacerdote e Re della chiesa di Dio. Non pu?essere trasferito da Lui a qualche altra persona, n?interamente n?in parte43.

43 1 Tm 2,5


10. Questa serie di uffici ed il loro ordine sono essenziali: per la nostra ignoranza abbiamo bisogno del suo ufficio profetico44; per la nostra alienazione da Dio e l'imperfezione di ogni nostro servizio, anche del migliore, abbiamo bisogno del suo ufficio sacerdotale per riconciliarci e presentarci a Dio come accettevoli45; per la nostra riluttanza a tornare a Dio e la nostra incapacit?di farlo e per la nostra liberazione e protezione da nemici spirituali abbiamo bisogno del suo ufficio regale per convincerci, sottometterci, attirarci, sostenerci, liberarci e preservarci finch?raggiungiamo il suo regno celeste46.

44 Gv 1,18
45 Col 1,21; Gal 5,17
46 Gv 16,8; Sal 110,3; Lc 1,74-75

 
 
The Reformed Reader Home Page 


Copyright 1999, The Reformed Reader, All Rights Reserved