committed to historic Baptist & Reformed beliefs

 

LA CONFESSIONE DI FEDE BATTISTA DEL 1689

 

9. Del libero arbitrio

1. Dio ha dotato la volontÓ dell'uomo di una libertÓ naturale e del potere di scegliere e di agire in base alle proprie scelte. Questo libero arbitrio non Ŕ nÚ forzato nÚ destinato da alcuna necessitÓ di ordine naturale a fare il bene o il male1.

1 Mt 17,12; Giac 1,14; Dt 30,19


2. Nel suo stato d'innocenza l'uomo aveva la libertÓ ed il potere di volere e di fare ci˛ che era buono e gradito a Dio2, ma era libero e perci˛ poteva decadere da questa condizione3.

2 Eccl 7,29

3 Gen 3,6


3. A causa della sua caduta in uno stato di peccato l'uomo ha perso totalmente la capacitÓ di volere qualsiasi bene spirituale e la salvezza4. Come uomo naturale, essendo totalmente avverso al bene spirituale e morto nel peccato5, non Ŕ capace con le proprie forze di convertirsi nÚ di disporsi alla conversione6.

4 Rm 5,6; 8,7

5 Ef 2,1-5

6 Tito 3,3-5; Gv 6,44


4. Quando Dio converte un peccatore e lo trasporta in uno stato di grazia, lo libera dalla schiavit¨ naturale del peccato7 e per sola grazia lo rende capace di volere e di fare liberamente ci˛ che Ŕ spiritualmente buono8. Tuttavia, a causa della corruzione residua, il peccatore non vuole unicamente nÚ perfettamente ci˛ che Ŕ buono, ma vuole anche ci˛ che Ŕ malvagio9.

7 Col 1,13; Gv 8,36

8 Fil 2,13

9 Rm 7,15-23


5. Soltanto nello stato di gloria, la volontÓ dell'uomo sarÓ resa perfettamente ed immutabilmente libera di volere soltanto il bene10.

10 Ef 4,13

 

 TRR FOCOLARE PAGINA | TABELLA DI CONTENTS | E-MAIL| HALL DEGLI SBC PER RIFORMAZIONE
RIFORMAI BAPTIST LINKS | SBC FORO | APERTA FORO |
WWW SU-LINEA DISCUSSIONI