committed to historic Baptist & Reformed beliefs

 

LA CONFESSIONE DI FEDE BATTISTA DEL 1689

 

16. Delle buone opere

1. Le buone opere sono soltanto quelle che Dio ha comandato di fare nella sua Santa Parola1, e non quelle prive di autorizzazione della Scrittura ed inventate dagli uomini per uno zelo cieco o per qualche pretesa di buone intenzioni2.

1Mich 6,8; Eb 13,21
2 Mt 15,9; Is 29,13


2. Le buone opere fatte in obbedienza ai comandamenti di Dio sono i frutti e la prova di una fede vera e vivente3. Con esse i credenti esprimono e mostrano la loro riconoscenza4, rafforzano la loro certezza5, edificano i loro fratelli, adornano la loro professione evangelica6, chiudono la bocca degli avversari e glorificano Dio7, essendo opera sua, creati in Cristo Ges?per le opere buone8 e per portare i frutti della santificazione che hanno per fine la vita eterna9.

3 Giac 2,18-22
4 Sal 116,12-13
5 1Gv 2,3-5; 2 Pt 1,5-11
6 Mt 5,16
7 1 Tm 6,1; 1 Pt 2,15; Fil 1,11
8 Ef 2,10
9 Rm 6,22


3. La loro capacit?di fare buone opere non proviene in nessun modo da loro stessi, ma unicamente dallo Spirito di Cristo10. Per permettere loro di fare buone opere, oltre alle grazie che hanno gi?ricevute, ? necessario che ci sia un'ulteriore influenza reale dello stesso Spirito Santo che operi in essi il volere e l'operare secondo la sua benevolenza11. In conseguenza di ci? i credenti non devono diventare negligenti come se non fossero tenuti a fare il loro dovere se non per un impulso speciale dello Spirito. Al contrario devono essere diligenti nel ravvivare la grazia di Dio che ?in loro12.

10 Gv 15,4-5
11 2 Cor 3,5; Fil 2,13
12 Fil 2,12; Eb 6,11-12; Is 64,7


4. Quelli che raggiungono il massimo grado possibile di obbedienza a Dio nel corso di questa vita sono ancora molto lontani da uno zelo totale e dal fare pi?di quanto Dio esige. Essi mancano anzi nei confronti di Dio in tante cose che hanno il dovere di fare13.

13 Gb 9,2-3; Gal 5,17; Lc 17,10


5. Con le nostre opere migliori non possiamo meritare il perdono dei peccati o la vita eterna dalla mano di Dio a causa del divario fra le nostre opere migliori e la gloria a venire ed a causa della distanza infinita fra noi e Dio. Con le nostre opere non possiamo avere un qualche vantaggio n?possiamo soddisfare Dio per il debito dei nostri peccati14. Quando abbiamo fatto del nostro meglio, abbiamo fatto soltanto il nostro dovere e siamo ancora dei servitori inutili. Nella misura in cui le nostre opere sono buone, hanno origine nell'opera dello Spirito Santo15. Per?le nostre buone opere sono cos?contaminate da noi e cos?mescolate con debolezza ed imperfezione che non potrebbero reggere davanti alla severit?del giudizio di Dio16.

14 Rm 3,20; Ef 2,8-9; Rm 4,6
15 Gal 5,22-23
16 Is 64,6; Sal 143,2


6. Tuttavia, poich?i credenti come individui sono accettati per mezzo di Cristo, anche le loro buone opere sono accettate per mezzo di Lui17. I credenti in questa vita non sono completamente irreprensibili e senza biasimo agli occhi di Dio, ma Egli li vede nel suo Figlio ed ?contento di accettare e ricompensare ci?che ?sincero, anche se ?accompagnato da molte debolezze e imperfezioni18.

17 Ef 1,6; 1 Pt 2,5
18 Mt 25,21-23; Eb 6,10


7. Le opere compiute da uomini non rigenerati possono essere sostanzialmente conformi a ci?che Dio comanda e possono fare del bene sia ai loro autori che ad altri19. Tuttavia, per il fatto che non procedono da un cuore purificato dalla fede20 e che non sono compiute nella maniera giusta secondo la Parola di Dio21, n?hanno come fine la gloria di Dio22, sono peccaminose e non possono piacere a Dio, n?rendere l'uomo atto a ricevere da lui la grazia23. Trascurare queste opere ?per?ancora pi?peccaminoso e fa ancora pi?dispiacere a Dio24.

19 2 Re 10,30; 1 Re 21,27-29
20 Gen 4,5; Eb 11,4-6
21 1 Cor 13,1
22 Mt 6,2-5
23 Amos 5,21-22; Rm 9,16; Tito 3,5
24 Giob 21,14-15; Mt 25,41-43

 
 
The Reformed Reader Home Page 


Copyright 1999, The Reformed Reader, All Rights Reserved